Per superfici estremamente brillanti

Le nuove frese Curve Segment Cutting (CSC) della serie CURVEMAX di Inovatools abbreviano i tempi del processo di finitura di complesse superfici a forma libera sui materiali più diversi.

di A.M.

Il produttore di utensili Inovatools ridefinisce gli standard della fresatura di copiatura con le nuove frese Curve Segment Cutting (CSC) della serie CURVEMAX. Le nuove frese universali per segmenti ad arco in metallo duro integrale, in forma tangenziale e conica, abbreviano i tempi del processo di finitura di complesse superfici a forma libera sui materiali più diversi. “Le frese CURVEMAX migliorano la qualità delle superfici rispetto alle frese sferiche standard utilizzate fino ad ora”, spiega Tobias Eckerle, Product Manager presso Inovatools.
Con i nuovi utensili CURVEMAX Inovatools prevede di ottenere, nella stessa applicazione, un risparmio di tempo fino al 90%, una qualità della superficie migliore fino al 60% e una durata utile degli utensili più lunga anche del 90% rispetto alle tradizionali frese sferiche. “La strategia CSC, che combina potenti software CAM di nuova generazione, centri di lavorazione ad alte prestazioni e uno sviluppo innovativo dell’utensile, è un esempio di come si evolvono i procedimenti di lavorazione per asportazione di truciolo”, sottolinea Eckerle.

Semifinitura e finitura con un maggiore incremento di passata
Grazie alla particolare geometria delle nuove frese CURVEMAX di Inovatools, è possibile realizzare semifinitura e finitura con un maggiore incremento di passata. Rispetto alle frese sferiche tradizionali, a parità di diametro dell’utensile, il raggio efficace è più ampio. In tal modo si riducono in misura significativa i tempi di processo. Grazie alla maggiore ampiezza della fascia di lavorazione non si verifica un’usura limitata del tagliente con un conseguente aumento della vita utile dell’utensile, favorito anche dal rivestimento a elevate prestazioni estremamente scorrevole VAROCON. Poiché l’area di sovrapposizione delle fasce di lavorazione è più ampia e più piatta, si riduce la rugosità e si ottiene nel complesso una superficie ancora migliore rispetto a quella ottenuta con le frese tradizionali. Inovatools offre le nuove frese a finire CSC CURVEMAX in forma conica e tangenziale a quattro taglienti in diverse misure e raggi.
Un esempio pratico dimostra le prestazioni di CURVEMAX: una normale fresa sferica (diametro 6 mm, incremento di passata ae 0,17 mm) nella finitura di un pezzo in acciaio da bonifica 1.2379 per lo stesso pezzo impiega 14:53 minuti contro i 2:34 minuti di CURVEMAX (forma conica; incremento di passata ae 2,20 mm). Il valore di rugosità medio nell’esperimento è di 0,8 µm per la fresa a sfera, di 0,5 µm per CURVEMAX.
“L’esempio lo dimostra chiaramente: i centri di lavoro ad alte prestazioni possono calcolare in modo ottimale la traiettoria delle nostre nuove frese CURVEMAX per la lavorazione estremamente efficiente di superfici piane e a forma libera”, afferma Eckerle. “Automatismi intelligenti garantiscono la perfetta aderenza all’utensile e consentono di sfruttare al massimo il potenziale della particolare geometria”.

Un’ampia gamma di applicazioni
Grazie alla tecnologia di fresatura di segmenti ad arco, le frese CURVEMAX aprono nuove possibilità di lavorazione. Con questi strumenti diventa possibile anche lavorare con sottosquadro, superfici a forma libera e angoli di taglio variabili senza compromettere il risultato del processo. È inoltre possibile effettuare la sgrossatura e la finitura di profili complessi, anche con raggi interni ridotti.